Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email
romina_scribantia_scrittura_efficace

Emozioni + logica = scrittura efficace

Mentre scrivi trasferisci al testo qualcosa di te. È inevitabile. È auspicabile. Non a caso i migliori articoli che ho scritto erano quelli dove la mia sensibilità usciva in modo chiaro.

Se qualcuno ti dice che un articolo giornalistico deve essere neutro, non credergli: è impossibile, non fosse per il fatto che la definizione classica di giornalista è “mediatore della notizia”. È un po’ come l’acqua che scorre attraverso la roccia: quando arriva a valle si è arricchita di minerali e altre sostanze. Alcune acque saranno più dolci; altre più dure; alcune saranno frizzanti, altre lisce; alcune ti piaceranno, altre no.

Nel giornalismo non è diverso: sta a te decidere se un giornalista (o un media in generale) ti convince o no; è degno di fiducia; ti sta antipatico e così via (il giornalismo obiettivo non esiste, sorry. Esiste la malafede, ma quella è un’altra storia).

La scrittura è personale o non è

Tutto questo per ribadire che la scrittura è un atto creativo personale e, potrei dire, persino intimo. Credo che questa sia la sua potenza; ciò che la rende insostituibile, persino nell’era dei social network, di Youtube e dei podcast. 

Potrei dirti che queste cose – vista la mia esperienza giornalistica – le sapessi già. In effetti le sapevo, ma non le avevo elaborate in modo consapevole. Tantomeno le usavo per/su di me. 

Ma da quando ho iniziato la mia nuova professione di brand journalist – cioè da quando scrivo per professionisti e imprese – questo concetto mi è diventato un po’ più chiaro.

Soprattutto oggi che tutti comunicano e scrivono, la personalità è il vero valore aggiunto: bisogna saper trasferire al lettore emozioni, sentimenti, punti di vista e tutto ciò che genera empatia e immedesimazione.

Leonardo diceva: «Ogni nostra cognizione prencipia da sentimenti». Questo è vero ancora oggi anche nella comunicazione di business perché – al di là di tutto – sono i sentimenti di stima, fiducia, simpatia, comprensione, coinvolgimento quelli che fanno cadere le barriere e ci spingono all’azione (all’acquisto).

Logico, ergo sum

Poi c’è la logica. Perché la scrittura è anche logica; in alcuni casi persino matematica. Paragrafi e frasi devono susseguirsi in modo che il lettore riesca a seguire il filo del discorso senza fatica.

Ad usare la logica ho imparato studiando all’università e mai avrei pensato che mi sarebbe tornata così utile, io che in matematica, algebra & C. sono sempre stata scarsa. 

È con la logica che riesco – se ci riesco 😁 – a capire quale concetto/espressione può essere utile/coinvolgente per chi legge. Ed è con la logica che riesco – se ci riesco 🙄- a prendere per mano il lettore, a guidarlo attraverso il testo fino alla fine, a lasciarlo soddisfatto e convinto di non aver perso (troppo) tempo leggendo.

L’allenamento alla scrittura mi facilita e mi aiuta a mettere subito ordine nei pensieri in modo che la lettura del testo scorra piacevole. Ma non c’è una sola volta in cui la prima stesura sia quella giusta: può essere una virgola da spostare; può essere una parola da sostituire; può essere un avverbio da togliere; o può essere un intero blocco di testo da alternare con quello che viene prima/dopo. Per non parlare dell’incipit o del titolo (mio vero tallone d’Achille).

Ora so cosa stai pensando: «Beh, allora dimmi come si fa». Temo che la risposta sia solo una: buttati e scrivi. Scrivi. Senza paura di dire cose sbagliate. Concentrati sulle tue esperienze. Parla di ciò che ti piace fare; di come affronti il tuo lavoro; di come hai superato una difficoltà; dei tuoi fallimenti e dei tuoi successi. Chi mai potrà contraddirti? Chi mai potrà dirti: stai sbagliando? 

E se proprio non ce la fai, scrivi a te stesso, come fa, ad un certo punto, Pippi Calzelunghe. Serve anche quello.

P.S. Per oltre vent’anni ho scritto; scritto tantissimo ma mai a proposito di me. Magari l’avessi fatto: oggi sarei famosa 🙂

P.P.S. La parte più difficile è iniziare. Se hai bisogno di una spintarella sai dove trovarmi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Restiamo in contatto?

Chi sono

Mi chiamo Romina e ti do il benvenuto nel mio blog.
Sono giornalista-acchiappastorie, blogger, digital media editor. Adoro la parola scritta.
Cosa faccio? Aiuto professionisti e aziende a trovare la propria storia memorabile e a raccontarla in modo efficace.

Post recenti

Archivio del blog
Scegli una categoria
Parlami del tuo
progetto
Parlami del tuo
progetto