mozart

Scrittura efficace: cosa possiamo imparare da Mozart

Mozart era un poeta e un filosofo. Uno scrittore. Per comunicare il suo pensiero usava le note anziché l’alfabeto, ma la sostanza non cambia: aveva una ben precisa visione del mondo, solo che ha scelto la musica per comunicarla. Ha coltivato il suo talento naturale, lo ha arricchito e nutrito, seguendo la sua strada con coerenza. C’è qualcosa, nell’esempio del grande compositore, che può aiutare anche a noi, impegnati ogni giorno a vincere la sfida di una scrittura efficace. 

Dimentica l’Amadeus di Milos Forman. Quando quel film è uscito (1984) avevo 18 anni e di Mozart non sapevo nulla. Così ho creduto alla storia del genio volgare e rozzo, dello sciocco irriverente ma dotato di un talento divino.

Nulla di tutto ciò, come ho scoperto poi (soprattutto leggendo, tra l’altro, il libro di Lidia Bramani). 

Mozart era tutt’altro che svagato, svampito, disimpegnato, ingenuo o amorale. Conoscere la sua vicenda umana non dico che ci possa far diventare dei geni, ma ci indica una strada che è valida sempre. Piccole, semplici regole base che possono trasformare la nostra scrittura in una scrittura efficace. 

1) Leggi e studia 

Mozart era colto. Padroneggiava diverse lingue moderne (tedesco, italiano, francese), oltre al latino. Leggeva tantissimo, viaggiava e si era circondato di alcune delle migliori e più avanzate menti del suo tempo (medici, filosofi, giuristi, poeti, scrittori). 

2) Mantieniti aperto e ricettivo

Mozart era curioso rispetto alle spinte ideali del suo tempo e le sue opere riflettono le tensioni dell’epoca. Seguiva gli avvenimenti e si teneva aggiornato sui fatti politici e sociali. Benché assolutamente preso dalla sua arte, era tutt’altro che assente dal mondo.

3) Mostra coerenza (etica e non solo).

Forse anche per orgoglio, ma soprattutto per coerenza, Mozart non si è mai piegato alle ipocrisie. Aveva principi etici e valori ben saldi, che gli hanno impedito di scendere a compromessi, a costo di rimetterci in prima persona. La sua gerarchia di valori era basata su rispetto, correttezza, indulgenza, fiducia, tolleranza.

4) Usa l’arma dell’ironia 

Mozart ne faceva largo uso contro i pregiudizi e i moralismi. E anche per sbeffeggiare gli arroganti, smascherare la malafede dei potenti e demolire i luoghi comuni nei quali, pensava, «si annida la menzogna».

Poi, se ti va, ascolta il secondo movimento del concerto per pianoforte K488: è di una bellezza sublime.

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi possa essere utile a qualcun altro, condividilo sui tuoi canali preferiti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Restiamo in contatto?

Chi sono

Mi chiamo Romina e ti do il benvenuto nel mio blog.
Sono giornalista-acchiappastorie, blogger, digital media editor. Adoro la parola scritta.
Cosa faccio? Aiuto professionisti e aziende a trovare la propria storia memorabile e a raccontarla in modo efficace.

Post recenti

Archivio del blog
Scegli una categoria